Accedi
Registrati

Contratto di locazione ad uso abitativo 3 anni + 2 anni

A cosa serve?

Consente di affittare un appartamento o una casa per abitarvi in modo stabile. Dura 3 anni e, se il proprietario non dà la disdetta 6 mesi prima della scadenza, si rinnova per altri 2 anni. Comporta vantaggi fiscali per il proprietario, affittando l'immobile ad un canone più basso di quello previsto nel Comune.
Rispetto al normale contratto ad uso abitativo ha alcune agevolazioni fiscali: 10% di cedolare secca (nel caso di scelta), 66,5% di imponibile Irpef anziché l’85% e 1,4% del canone per la registrazione anziché il 2%.

Cosa devo fare del documento una volta che l’ho scaricato?

1. Rivedi la bozza con la controparte

  • Condividi la bozza del contratto con l'affittuario;
  • Dopo aver creato la bozza del documento, inviala alla controparte;
  • Concorda le modifiche con la controparte;
  • Modifica il contratto online entro 30 giorni dalla creazione (se dovessero essere necessarie ulteriori modifiche dopo la scadenza contatta la assistenza clienti).

2. Firma il contratto finale

  • Per rendere legalmente valido il contratto entrambe le parti devono firmare il contratto.
  • Stampa in triplice copia il contratto, firmalo e invialo via posta alla controparte.
  • Lascia una copia all'affittuario, tieni una copia firmata per te e conserva la terza per la registrazione all'Agenzia delle Entrate.

3. Consegna l'immobile

  • Una volta concluso il contratto, consegna l'immobile al tuo affittuario.
  • Redigi un verbale che certifichi la consegna dell'immobile, l'inventario dei mobili presenti in casa e l'avvenuto pagamento della cauzione.

4. Sbriga le rimanenti pratiche

Ricordati che dopo aver consegnato l'immobile devi anche:

  • Effettuare la denuncia di locazione alla Questura o al Commissariato di Polizia di zona, se l'affittuario non è un cittadino UE entro 48 ore dalla consegna dell'immobile.
  • Assicurarti che le utenze siano state intestate al nuovo affittuario (es. acqua, luce, gas, telefono, spazzatura, etc...).
  • Registrare il contratto presso l'Agenzia delle Entrate entro 30 giorni dalla firma del contratto. Il contratto di locazione può essere registrato:
    • utilizzando il sito dell’Agenzia delle Entrate
    • recandoti presso un ufficio dell’Agenzia delle Entrate e compilare il modello RLI (Registrazione Locazione Immobili)
    • incaricando un intermediario abilitato (professionisti, associazioni di categoria, Caf, ecc.) o un delegato

Se vuoi andare direttamente all’Agenzia delle Entrate è necessario portare la seguente documentazione:

    • almeno due copie, con firma in originale, del contratto da registrare
    • la richiesta di registrazione, ossia il modello RLI compilato
    • ricevuta del pagamento della marca da bollo telematica (16 euro ogni 4 pagine):
    • la ricevuta di pagamento dell’imposta di registro (pari al 2% del canone annuo moltiplicato per il numero delle annualità effettuata con Modello F24). Coloro che hanno optato per la cedolare secca (regime sostitutivo) non devono versare l’imposta di registro ma sono tenuti al pagamento dell’imposta sostitutiva (acconto e saldo) da versare entro gli stessi termini previsti per l’Irpef.

In quali altri modi si può chiamare il documento?

  • Contratto di affitto ad uso abitativo di 3 anni
  • Contratto di locazione a canone concordato
  • Contratto di locazione ad uso abitativo 3 anni rinnovabile per 2 anni
  • Affitto a canone calmierato dal Comune





      Chatta ora
    Oppure contatta l'assistenza clienti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti, al fine di migliorare il servizio offerto. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito e non autorizzare i cookie di terzi, accedi alla cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie in conformità con i termini di uso dei cookies espressi nell'apposita sezione delle policy.